La Francia cerca l’aiuto straniero per ispirare i suoi giovani chef

Dopo essere stata rispettata per secoli come la culla della gastronomia moderna e l’apice della cucina, la Francia ha intenzione di inviare all’estero degli chef per migliorare la loro cultura culinaria e migliorare i piatti tradizionali serviti in patria

Dalla mirepoix alla mise en place, dalla Guida Michelin alle cinque salse madri: la cucina francese ha sempre regnato sovrana nell’alta gastronomia e per molti la Francia è sinonimo del miglior cibo del pianeta (non ditelo troppo forte in una piazza qualsiasi italiana!).

Per secoli, aspiranti chef da ogni angolo del mondo hanno frequentato le prestigiose scuole di cucina francesi, come Le Cordon Bleu di Parigi, per essere formati secondo gli elevati standard della gastronomia francese.

La Francia chiede aiuto agli stranieri per ispirare i suoi giovani chef

Tuttavia, di fronte alla crescente concorrenza e alle critiche per menù considerati stanchi e poco innovativi, il governo del presidente Emmanuel Macron ha deciso di mandare gli chef del paese all’estero per apprendere dalle altre cucine del mondo.

Con uno spostamento significativo dal tradizionale orgoglio francese, il ministro dell’Economia Olivia Grégoire ha annunciato l’intenzione di permettere ai migliori talenti della nazione di esplorare e importare nuove tecniche e idee culinarie: “La gastronomia francese ha dovuto confrontarsi con la crescita della gastronomia straniera dagli anni ’90 e si è trovata ad essere superata in termini di prestazioni e influenza”, ha ammesso Grégoire durante una conferenza stampa.

Asparagi con salsa olandese
Asparagi con salsa olandese – CANVA – Socialboost.it

 

Anche se la Francia continua ad essere un faro gastronomico, i risultati recenti, come le magre vittorie dei cuochi francesi al Bocuse d’Or, il campionato mondiale degli chef a Lione, hanno evidenziato una diminuzione della sua supremazia. “Sarebbe un grave errore compiacersi dei nostri successi passati. Dobbiamo riaffermare la nostra leadership con innovazione e ambizione”, ha aggiunto Grégoire.

“È innegabile: i nostri rivali sono agguerriti e stanno adottando strategie efficaci per mettere in risalto le loro cucine. È nostro dovere essere altrettanto ambiziosi e preparati per competere a livello globale”, ha sottolineato Alain Ducasse, uno dei più rinomati chef francesi.

Una nuova iniziativa del governo francese, che richiederebbe ai ristoranti di dichiarare l’origine dei loro piatti, potrebbe rivelare che solo la metà dei locali del Paese serve cibo fatto in casa.

Secondo Thierry Marx, chef con due stelle Michelin, solo circa la metà dei 175.000 ristoranti francesi prepara pasti freschi: “Molti di loro stanno soffrendo perché vengono confrontati in termini di prezzo con quelli che utilizzano cibi preconfezionati o addirittura ultra-lavorati, senza informare adeguatamente i clienti”, ha spiegato Marx.

Guardando al di là della Manica, i francesi stanno persino considerando di chiedere consigli alla Gran Bretagna su come rivitalizzare la loro cucina in stagnazione. Nonostante un recente sondaggio abbia classificato il cibo britannico come il peggiore, il ministro dell’Economia e delle Finanze sta valutando il potenziale della mixology britannica.

“Se i migliori cocktail provengono dal Regno Unito, allora i nostri giovani apprendisti dovrebbero avere l’opportunità di trascorrere cinque mesi lì per perfezionare le loro abilità”, ha dichiarato Bruno Le Maire.

I francesi stanno cercando ispirazione in tutta Europa. Mentre il loro successo al Bocuse d’Or è diminuito, Danimarca e Norvegia si sono aggiudicate cinque dei otto premi possibili nello stesso periodo.

Resta da vedere se questi fondi saranno sufficienti per riportare la Francia in cima alla piramide alimentare, anche se il governo si aspetta che i finanziamenti privati integrino l’investimento.

La gastronomia francese rappresenta ancora una parte importante del soft power del Paese. Un punto che non sfugge al Paese, che ha candidato Il sapore delle cose come miglior film internazionale agli Oscar di quest’anno al posto di Anatomia della caduta.

Mentre Anatomia della caduta ha fatto incetta di premi – tra cui la Palma d’Oro di Cannes – per la sua cruda rappresentazione del sistema giudiziario, Il sapore delle cose è stata una gloriosa cavalcata attraverso i panorami e gli odori di una cucina gourmet francese alla fine del XIX secolo.

Con Juliette Binoche e un’Alaska al forno preparata in modo decadente, è stato un film sontuoso, ma il fatto che abbia avuto la precedenza sul superiore Anatomia di una caduta la dice lunga sull’orgoglio del Paese per la sua cucina.

I francesi possono vantare la loro cucina come la migliore del mondo e quando è fatta bene può essere sublime. Ma se si lascia riposare sugli allori, la nazione rischia di far assomigliare la propria cucina a una salsa olandese fredda: un tempo lussuosamente untuosa, ora considerabile come brodaglia rappresa.

Impostazioni privacy