Curiosità

La sindrome di Down: da dove prende il suo nome?

Sapevate che…La sindrome di Down prende il suo nome da John Langdon Down, medico britannico che fu il primo a classificare questa patologia nel 1866. John Langdon Down iniziò la sua carriera come primario di Earlswood, un istituto per persone con disabilità intellettuali e fisiche. Prima di Earlswood, John Down non aveva esperienza nell’occuparsi di persone con questo tipo di disabilità. Ma c’era qualcosa in loro che lo interessava. Lui vedeva il loro valore e la loro umanità in un tempo in cui gli altri non lo facevano. Gli piaceva circondarsi di persone come loro e si infuriava per il modo in cui venivano trattate. Al tempo si trattava di punizioni corporali.

Nell’istituto l’igiene era scarsa, il tasso di mortalità alto e per i pazienti non c’era nulla di divertente da fare né che non fosse una perdita di tempo. John Langdon Down insistette nel portare un cambiamento. Assunse personale nuovo, richiese che l’igiene e le cure fossero adeguate, proibì le punizioni e offrì ai suoi pazienti hobby e lavori di manualità. Inoltre, gli piaceva ritrarre i suoi pazienti: faceva indossare loro i loro completi o abiti migliori e li faceva posare per lui. Utilizzò la sua collezione di ritratti di più di 200 fotografie per sostenere la sua descrizione clinica della sindrome di Down, mostrando le caratteristiche fisiche che aveva notato e tutte le altre osservazioni cliniche da lui eseguite. Nel 1868, comprò una grande tenuta come casa per le persone con sindrome di Down invece di un “istituto”. Si assicurò che la proprietà raggiungesse i migliori standard di comodità e igiene.

Tutte le persone che venivano portate lì, ricevevano educazione privata. Veniva insegnato loro a cavalcare, fare giardinaggio e altre attività manuali. Venivano forniti degli sbocchi creativi ed inoltre fece costruire un piccolo teatro come aggiunta alla tenuta. La tenuta si chiamava Normansfield ed esiste ancora oggi nel Regno Unito. Ora il suo nome è Langdon Down Center and Normansfield Theater. Perciò, “Down” non ha nulla a che fare con ritardi, inclinazioni né prognosi della sindrome. È semplicemente il nome di una persona davvero fantastica. Queste sono alcune delle fotografie della collezione di John Down. Erano bellissime all’epoca e sono bellissime ancora oggi!

Post di Karola Bossi

Condividi questo articolo

Più Letti

Social Boost è una digital community che monitora, valuta e anticipa le tendenze della comunicazione Web attraverso la web reputation, una rivista online, un’agenzia digitale e corsi periodici di digital training.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Molte immagini pubblicate, appartengono al patrimonio condiviso in rete. Per alcuni contenuti non è stato possibile trovare l'autore. I titolari potranno, comunque, segnarlo per l'inserimento. Chiunque ravvisasse una possibile violazione di diritti d'autore può segnalarlo e provvederemo alla tempestiva rimozione del contenuto specifico. 

Let’s talk

Copyright © 2021 Social Boost

In alto